Home

Un esercito di spie al confine tra Siria e Turchia

L’ex agente della Cia Philip Giraldi confessa al quotidiano turco Hurriyet Daily News: Ci sono almeno 50 esperti agenti stranieri in Turchia, ai confini con la Siria.
Sabato 29 settembre 2012 11:28
Ci sono circa 50 alti esponenti dei servizi segreti sul confine Siria Turchia, tra cui agenti degli Stati Uniti, Francia, Germania, Gran Bretagna e “forse Grecia,” racconta l’ex agente della Cia Philip Giraldi detto “Tolga Tanis”, a Hurriyet Dailyin un’intervista.
L’ex agente ha spiegato che si tratta di una piramide: ogni spia esperta ha alle sue dipendenze molte altre spie che a loro volta usano e comandano molti “informatori”. Un esercito di spie schierato tra Adana e la base aerea NATO di Incirlik. Giraldi ritiene ci siano 15-20 alti funzionari della CIA in Turchia che lavorano solo sul conflitto siriano. “Loro sarebbero di fatto degli agenti paramilitari” che resterebbero però ben lontani dalla guerra, senza mai penetrare in Siria, ma dirigendo le operazioni di intelligence in Turchia in collaborazione con l’Agenzia di Informazione Nazionale “Millî İstihbarat Teşkilatı” (MIT)
.”La CIA ha probabilmente solo 10 agenti che parlano correntemente arabo e forse cinque che parlano turco. Per questo motivo, hanno bisogno di fare affidamento su agenti MIT quando devono trattare con i ribelli siriani”, ha detto Giraldi. La CIA non ha personale che parla correntemente lingue mediorientali perché i loro turni di servizio sono di soli due o tre anni, prima di essere trasferiti altrove. “Gli agenti non hanno abbastanza tempo a specializzarsi in quella lingua e in quella cultura”.
“Molto meglio i russi -ammette Giraldi- Un agente russo riceve corsi di lingua per due anni prima di arrivare in Turchia, e, una volta qui, può rimanere in servizio per un massimo di 10 anni”.Nonostante le molte carenze CIA, “I servizi segreti turchi e americani stanno lavorando molto da vicino sulla questione siriana -precisa Giraldi- aggiungendo che gli Stati Uniti forniscono alla Turchia le immagini satellitari e le informazioni tecniche sensibili che normalmente non avrebbe condiviso con nessuno”.
Un ufficiale dell’intelligence turca accompagna “sempre” gli agenti della CIA nei loro incontri con i capi dell’esercito siriano ribelle. “Non è una regola, ma è così che funzionano le cose”. Attorno alla base Nato di Incirlik invece gli agenti di Francia, Germania, Gran Bretagna e “forse anche della Grecia”.
Anche Arabia Saudita e Qatar, lavorano in collaborazione con il Ministero degli Esteri turco. Dilettanti allo sbaraglio, è l’impressione generale che viene da quel racconto. Ma Giraldi è lapidario e gratifica i suoi padroni di casa che lo ospitano in Turchia, “Ognuno è un dilettante accanto al MIT. Gli agenti dei servizi segreti turchi sono migliori di qualsiasi altro agente, e chiunque sarebbe considerato “un dilettante” quando si tratta di questioni regionali del Medio Oriente”.
Messaggio chiaro nella forma e oscuro negli obiettivi: qualche servizio segreto occidentale sta cercando di fare il furbo in casa turca? Oppure c’è in vista qualche colpo di scena imminente e l’orgoglio nazionale turco mette le mani avanti facendo sapere che tutto ciò che passa dal suo sud-est dell’Anatolia è comunque sempre sotto il controllo di Ankara. (e.rem)
Anuncios